Signò, dove jelo sistemo er tabblò? Ovvero, parole del matrimonio scritte o pronunciate in modo alternativo

Ho visto (e sentito) cose che voi umani non potete neanche immaginare. Negli ultimi anni la mia frequentazione del mondo dei matrimoni si è intensificata notevolmente, e parole come tableau de mariage, palette, mise en place sono diventate pane quotidiano. Un po’ per il blog, in cui spesso tratto argomenti d’interesse per le future spose, un po’ perché me ne parlano le spose, e in buona parte perché questi argomenti mi appassionano davvero tanto – in un’altra vita, forse, farò la Wedding Planner. O la sposa seriale, devo ancora decidere.

Lettere-giganti

Foto via Etsy

Parole e frasi, del vocabolario matrimoniale, che non sempre sono masticate con facilità da tutti – anche dagli stessi fornitori. Ho raccolto quello che ho sentito e letto negli ultimi anni, e sono fiera e felice di condividere con voi questo meraviglioso compendio. Fatene buon uso, e soprattutto, fatevi tante risate!
P.S.: Se avete altre perle da suggerire, scrivetele nel form dei commenti qui sotto!

  1. “Signò, dove jelo sistemo er tabblò?” (ovvero, tableau de mariage)
    Grazie Mario, le due b ci stanno tutte.
  2. “Che delizia questo tableau de maccrrriage. (ovvero, tableau de mariage)
    Ok, la “r” francese va pronunciata in un certo modo. Ma evita di sputarmi in un occhio.
  3. “Amore, scegliamo la nostra palette?”
    “Sì! E il secchiell dov lo mett?”
    Questa è storica, siamo io e Mr. Gibson.
  4. Ueddin Vraite? E che lavoro è?” (ovvero, Wedding Writer)
    Signore, cosa ho fatto di male?
  5. Una volta ho sentito una persona un po’ confusa sul significato delle parole budget e gadget: “E’ sufficiente il gadget a disposizione per coprire le spese del ricevimento?”
    Sì sì, ordina quattro camion di portachiavi e sicuramente il gestore della location ti proporrà un ottimo menu. In fronte.
  6. Letto su un volantino: GHESTBOOK. (ovvero, guestbook)
    La perla più bella. Almeno potevano scrivere GHOSTBOOK, il libro degli invitati della Sposa Cadavere (ok, questa forse non fa ridere).
  7. “Ma come si permette? Io le escort card al mio matrimonio non le voglio.”
    Fantastica. Fossi uomo ti avrei sposata io.

 

Post consigliati:

LoveStoryTeller rapita da un alieno
Scelta della location #1 - Non aprite quella porta [Horror tour]
4 idee originali (e che parlino di voi) per le bomboniere

Lascia un commento